L’EUROPA INTERROMPE LA PROCEDURA DI INFRAZIONE PER IL DEBITO ITALIANO. TUTTI CONTENTI. Ma c’è un problemuccio: IL DEBITO RIMANE!…

grafico in picchiatacommento facebook su TEMPI, a questo articolo.

*******

…questa è la conferma di quanto commentavo all’articolo http://www.tempi.it/imprenditore-e-il-mestiere-a-maggior-rischio-di-galera:

siamo alla follia. Contenti che l’Europa (di per sé inqualificabile, per molti motivi) abbia interrotto, per ragioni di facciata, la procedura di infrazione del debito pubblico italiano… ostinandoci a non vedere che il debito rimane, in tutta la sua mostruosa portata: in realtà, sarà minimo un 2.300 MILIARDI DI EURO, fra debiti non pagati e non contabilizzati, debiti nascosti delle SpA di proprietà pubblica, e interessi sul debito pregresso. Altri 50 MILIARDI in più di interessi semestrali, entro fine giugno.

Siamo GIA’ insolvibili, siamo GIA’ in bancarotta. Non ce la facciamo nemmeno a pagare la cifra astronomica di ben 100 MILIARDI di interessi annui… e vorremmo pure fare la TAV!… è roba da manicomio. Non si può tacere.

Per questo, dico che è follia, lucida follia keynesiana. Alias, è una questione filosofica: ci ostiniamo a non voler vedere che la crisi non è economica e finanziaria, ma è antropologica.

Ancora altrimenti detto, per esser ancora più chiari: pensate che ci possa essere il ritorno alla crescita, facendo spendere allo Stato ancora più soldi di quelli che ormai da lungo tempo non ha più (avendo solo debiti, e un patrimonio solo assai parzialmente e difficilmente liquidabile), cioè facendo ancora più di quel keynesismo che ci ha portati dove siamo, ancora più New Deal bancarottiero e corruttore, mentre si continua a fare 200.000 aborti l’anno?… Pensate che non ci sia collegamento tra le due cose?… Che ci possa essere pace e prosperità quando fai fuori 200.000 persone l’anno, solo in Italia?… Rispondetevi da voi.

Di questi “fatti spiacevoli” che nessuno vuole vedere, come diceva il poeta, parlo più approfonditamente – se c’è ancora qualcuno che ha voglia di andare al di là di un commento facebook, cosa di cui dubito – ad esempio, in:

https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/fiatpomigliano-darcomelfi-come-mettere-a-frutto-la-lezione-di-pier-luigi-zampetti-per-risolvere-il-conflitto-tra-capitale-e-lavoro/

Annunci

3 pensieri su “L’EUROPA INTERROMPE LA PROCEDURA DI INFRAZIONE PER IL DEBITO ITALIANO. TUTTI CONTENTI. Ma c’è un problemuccio: IL DEBITO RIMANE!…

  1. E ai debiti bisognerebbe aggiungere anche la “finanza di progetto” impiegata in tema di grandi opere negli ultimi vent’anni. E’ tutto debito che diverrà pubblico, è solo questione di tempo.

  2. grazie Fausto per il tuo commento costruttivo. Per quanto riguarda la TAV italiana, il project-financing è stato solo una grande menzogna, come dico al punto 11. della pagina sul “nodo della violenza” in Val di Susa, a https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/tav-il-nodo-della-violenza-in-val-di-susa-scioglierlo-e-possibile/… i soldi dei privati non sono mai esistiti, e i debiti della TAV sono stati tutti scaricati, anche formalmente, sul groppone dello Stato, cioè del contribuente… correva l’anno 1998.
    Chi ne vuol sapere di più, consiglio il libro “Le grandi opere del Cavaliere”, di Ivan Cicconi. Dove dice che, comunque, anche la sinistra è sempre stata associata a questa politica.

  3. Pingback: 2 GIUGNO, FESTA DELLA REPUBBLICA. PER IMPARARE DALLA STORIA, LEGGIAMOLA CON RATZINGER | lafilosofiadellatav

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...