Riflessione semiseria sul Governo Renzi

imagesCari amici, c’erano cose anche importanti da segnalarvi, ma come non dare priorità, per rilassarsi un po’, a una riflessione semiseria, ancorchè al volo, pur certamente incompleta, sul nuovo Governo Renzi?….

1. Intanto, Renzi metterà la patrimoniale.  Ci sono già molti rumours che circolano in rete. E così farà arrabbiare il noto economista cattolico Ettore Gotti Tedeschi, come dicevo qui. D’altronde, se Renzi vuol fare una cosa assistenzialista come il reddito minimo garantito, e se, come il suo predecessore, vorrà ostinatamente seguitare a fare la TAV inutile Torino-Lione, classica “opera grande” che si vorrebbe realizzare solo per fare un piacere agli amici, con i soldi del contribuente  – costo ragionevolmente stimato a 100 miliardi di euri – e nonostante lo Stato sia già praticamente in bancarotta, con 2300 mld di euro di debito, da qualche parte un po’ di soldi freschi Renzi dovrà provare a sfilarli dalle tasche dei risparmiatori. Per la verità, quando era Sindaco di Firenze, sul castigo TAV destinato alla città del fiore, Renzi si era espresso molto negativamente, come dice qui. Ma si sa che in politica i giri di valzer sono all’ordine del giorno. Lo si è visto col siluramento di Letta.

2. Al Lavoro, Giuliano Poletti, presidente dell’Alleanza delle cooperative. Ultimamente COOP importanti si sono viste dare prove tutt’altro che esaltanti, come si è visto nel caso di COOPSETTE a Firenze e della CMC di Ravenna con la vicenda del porto di Molfetta. Se tanto mi dà tanto… le preoccupazioni, a livello Italia, sono legittime. Difficilmente Poletti sarà attento ai suggerimenti di Pier Luigi Zampetti per risolvere il conflitto tra capitale e lavoro. Però, hai visto mai. Non mettiamo limiti alla Divina Provvidenza.

3. Alla Pubblica (D)istruzione, Stefania Giannini, di Scelta Civica. Se, come è presumibile, la Giannini, per conto di Renzi,  seguirà le orme del suo mentore Mario Monti,

  • il buono-scuola per la libertà effettiva di educazione, le famiglie se lo possono scordare, anche a questo giro. Ma va bene così. Le famiglie, se la libertà di educazione la vogliono, se la devono guadagnare. Si sveglino. La esigano. Se non importa a loro, che lo Stato faccia l’educazione omofila ai loro figli, nelle sue scuole… e se nemmeno importa loro che la scuola di Stato collassi sotto la burocrazia istituzionalizzata, né di poter scegliere, a parità economica, individuando Istituti, statali o non statali, dove la qualità dell’istruzione e soprattutto dell’educazione ai princìpi fondanti della persona siano finalmente adeguati alle loro aspettative, a chi mai deve importare?… Gli è che, purtroppo, nel tempo, lo Stato ha preventivamente e sistematicamente offuscato questa esigenza, nei padri e nelle madri.
  • Nelle peggiore delle ipotesi, la Giannini procederà all’operazione di indottrinamento delle nuove generazioni, non solo con gender e  omofilia, ma pure con lo sdoganamento della pedofilia. Eh sì, il compassato Monti, anche nel senso di amante del compasso e grembiulino, ha fatto anche questo. Chi l’avrebbe detto che fosse così trasgressivo!…

4. Non c’è più la Bonino agli Esteri. Liquidata senza tanti complimenti, pare. Già questa è una buona notizia, anche se l’Emma aveva, quantomeno apparentemente, tenuto un basso profilo per quanto riguarda le sue note attività contro la vita umana nascente. Però, ci si chiede che ne sarà dei nostri Marò, dopo che il caso era stato gestito fin dall’inizio in modo disastroso, sotto Monti, e dopo che anche l’Emma, con Letta, aveva tenuto un profilo troppo basso.

Italia presa per i fondelli da tutto il mondo, dal Brasile di Battisti, allo strattonamento occidentale dentro la guerra a Gheddafi, con la Libia che poi è finita dalla padella del rais alla brace dei terroristi. Ugualmente si è visto, per un periodo, nella guerra che USA e Francia volevano fare ad Assad, in Siria, facendo così un piacere ad Al-Quaeda e soci. Meno male che Papa Francesco ci ha messo una pezza.

Italia sbeffeggiata dalla UE per i migranti, presa a pesci in faccia dall’India, nella giusta indifferenza del consesso internazionale, visto che non sappiamo farci rispettare al tempo giusto e nei modi giusti. Insomma, quando un Paese para-totalitario vuol distrarre il suo popolo dalla dura realtà interna, aizzandolo contro un nemico esterno, il punching-ball Italia è sempre disponibile. Al posto dell’Emma, Federica Mogherini (?).

5. Ma che c’entra Dario Franceschini alla Cultura?… Boh.

6. Mi chiedo, ma… l’ex-presidente del Consiglio, Enrico Letta, come mai non si è dimesso dal PD?… visto che nel suo partito nessuno apprezza il suo lavoro, che ci sta a fare?…

7.  All’Economia, Pier Carlo Padoan. Qui la riflessione tende al serio. Dicevo in questo recente post dei motivi per cui anche per Renzi  è logico prevedere una breve vita politica. Per il semplice fatto che, in sostanza, lui non propone nulla di diverso dai suoi predecessori. Incollo direttamente da quel post, per brevità:

“Altrimenti detto, come indicava il grande intellettuale cattolico Pier Luigi Zampetti, questa crisi è la medesima del ’29, mai risolta, ma solo procrastinata. La “ripresa” di Gotti Tedeschi è impossibile, perché la crisi è antropologica, e nulla dei rimedi che la politica oggi ci propone va nella direzione di risolverla in questo senso!…  E’ per questo che anche il nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che in proposito ragiona esattamente come i suoi predecessori, è destinato a fallire!… Anzi, la politica, fino ad oggi, è quella che ci ha portato, e sempre più velocemente ci sta tuttora portando, verso il baratro. Perché essa è interamente compresa nei parametri della società dei consumi, che lavora in sinergia con la democrazia rappresentativa. Così Zampetti:

…L’oligarchia è prodotta  dalla delega dei poteri che gli elettori conferiscono ai partiti. La democrazia rappresentativa o democrazia delegata consente infatti alle oligarchie di poter gestire la società intera. E le oligarchie partitiche sono in simbiosi con le oligarchie economiche. Tale simbiosi ha creato il capitalismo consumistico. La crisi di tale forma di capitalismo coinvolge anche le oligarchie partitiche. Di qui la crisi del sistema politico occidentale che si accentuerà sempre più nella misura in cui il capitalismo consumistico manifesterà la sua crisi crescente, cessando di essere il modello di sviluppo economico paradigmatico, così come finora è stato”. (Zampetti, “Partecipazione e democrazia completa, la nuova vera via” , Rubbettino, 2002.

Se volete approfondire questo tema, vi consiglio anche il penultimo post, questo.

Ma come mai Renzi si è lasciato convincere a buttar giù Letta dalla torre?… Da quello che ho capito, potrebbe essere stata una trappola tesagli dai dalemiani, per bruciarlo. E lui c’è cascato. Ormai il tempo di fare lo splendido per lui è finito. Credo che l’impatto con la realtà sarà duro.

Gli dò sei mesi, prima che ritorni con le pive nel sacco in quel di Pontassieve. E l’Italia?… Non starà molto meglio… fino quando non si deciderà a procedere verso la “Società partecipativa”!…

Annunci

8 pensieri su “Riflessione semiseria sul Governo Renzi

  1. Pingback: “TEMPI”: PERCHE’ NON PUO’ FUNZIONARE IL “MANIFESTO PER L’EUROPA” | lafilosofiadellatav

  2. Pingback: “COLLOQUI FIORENTINI”: IL GERME DEL MONDO NUOVO | lafilosofiadellatav

  3. Pingback: LEONARDO BECCHETTI e “AVVENIRE”: CRONACHE ECONOMICHE MARZIANE | lafilosofiadellatav

  4. Pingback: Luigi Amicone e il patto col diavolo. Meglio prenderla con un sorriso?… | lafilosofiadellatav

  5. Pingback: LE “BALLE SPAZIALI” DI PAOLO SAVONA, SUL “FONDO TAGLIADEBITO”, RACCONTATE DA “TEMPI” | lafilosofiadellatav

  6. Pingback: Scuola: l’anti-sussidiarietà del Governo Renzi | lafilosofiadellatav

  7. Pingback: Nuova Bussola quotidiana, nuovo Canale di Suez e… datteri. | lafilosofiadellatav

  8. Pingback: Il sapore amaro del pensiero politico cattolico | lafilosofiadellatav

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...