BREBEMI, per ora poco traffico. Domanda: se fallisce, chi paga il “project-financing al !00% privato”?…

download (3)Commento FB a questo articolo de “Il Giorno” http://www.ilgiorno.it/martesana/brebemi-1.183452 su BREBEMI. Per ora, sulla nuova autostrada lombarda, poco traffico, come si vede da questo video girato da M5S… la cui linea politica non condivido, ma qualche volta hanno ragione perfino loro:


Al di là dei pur rispettabili dettagli specifici di BREBEMI che ho letto in tanti commenti di chi effettivamente l’ha provata, circa il suo utilizzo specifico (come è fatto il guard-rail, gli svincoli, le tangenziali, ecc.) mi pare che già non si parli più di due elementi fondamentali, a livello macroeconomico:

1. il fattore del maggiore asfaltamento del già molto sfruttato territorio, che favorisce le alluvioni nel milanese;

2. il pesante sacrificio che BREBEMI ha imposto all’agricoltura – i campi!, nonostante l’autostrada fosse stata concepita anche a servizio di EXPO, il grande evento… sull’agricoltura e sul cibo. Paradosso, vero?… Maggiori dettagli qui:

https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/2014/07/22/si-inaugura-brebemi-tra-disastri-finanziari-e-ambientali-lunica-speranza-viene-dalla-societa-partecipativa-secondo-dottrina-sociale/

download (3)L’altro grande fattore complessivo resta quello per cui, essendo BREBEMI stata concepita anche come un doppione di A4, ed essendo più costosa, richiama poco traffico. Ma, giustamente, per questo aspettiamo pure qualche mese, che vada a regime. Dopodiché, siccome per andare in pari BREBEMI deve incassare – da subito, però! – almeno 10 milioni di euro al mese per 19 anni e 6 mesi, ossia la durata della concessione, cercando di sottrarre traffico all’A4 (fonte: Emanuele Scarci, Brebemi incassa 1,9 miliardi, Il Sole 24 Ore, 26.07.2011), vedremo come vanno i conti.

E se questi fossero in rosso?… Che ne sarebbe del “project-financing” al 100% privato, premiato in Europa, che praticamente tutte le istituzioni e i media tuttora – incredibilmente! – ancora vantano? Quali garanzie ci sono, sui 2,1 miliardi di euro prestati dai banchieri, dalla CDP e dalla BEI? Soldi non certo dei banchieri, ma dei risparmiatori e depositanti delle banche, di Poste Italiane, e dei contribuenti europei?…Rivolgersi a Bettoni, a Maroni, a Lupi e anche a Renzi. E domandargli, tanto per capire bene come funziona l’impresa: se questa fallisse, chi paga?… Sarà mica il solito contribuente….E allora?… con quale faccia questi signori continuerebbero a farsi vedere in giro?…

Annunci

3 pensieri su “BREBEMI, per ora poco traffico. Domanda: se fallisce, chi paga il “project-financing al !00% privato”?…

  1. Io spero che non fallisca visto che devono ancora pagarci per l’esproprio e i danni che ci hanno causato. Comunque è vero passavano più camion e gente mentre la stavano costruendo che adesso che è finita.

  2. Pingback: NTV VA A PICCO. LASCIATELA ANDARE… MA SE STAVOLTA IMPARASSIMO QUALCOSA?… | lafilosofiadellatav

  3. Pingback: RENZI, LE RIFORME E I “CONSIGLI PER GLI ACQUISTI” DEL PROF. FRANCESCO FORTE. | lafilosofiadellatav

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...