Stazione Termini: apoteosi omofila – e peggio – di Armani e Benetton

downloadAncora un commento sulla pagina fb del Ministro alle infrastrutture Maurizio Lupi, circa la miseranda condizione omofila della stazione Termini, a Roma. Si può riferire una condizione omofila a una stazione ferroviaria?!?… Purtroppo, nell’Italia di oggi, succede anche questo.


Caro Maurizio,

è pertinente che io mi rivolga a te, in quanto Ministro alle infrastrutture, per segnalare la triste condizione omofila in cui versa quel baraccone da luna-park che il progetto “Grandi stazioni” ha fatto diventare la stazione Termini, a Roma.

C’ero di passaggio pochi giorni fa, e son rimasto colpito dalla serie dei mega-cartelloni, in alto, nella hall centrale. Da una parte, la campagna degli orologi di imagesArmani: promossi, tra le diverse varianti, da due efebi accostati, effeminatamente vestiti.  E in altra foto da un giovanotto che cinge una giovane creatura vestita femminilmente. Che poi, nella serie dei cartelloni, si scopre essere un ragazzo. Qui, oltre che in quello dell’omofilia, mi chiedo se siamo anche nell’eventuale ambito della corruzione di minorenne. E in quello del tentativo sempre più spinto e palese di fulminare i cervelli della gente.

images

Sull’altro lato della hall, la campagna di Benetton: non ho trovato le foto – lipperlì mi son dimenticato di farle – che sono della serie “amoreggiamento a tre nel fienile”, nelle diverse combinazioni possibili, col terzo, a rotazione, che medita.

Brutta roba, oltre che poco creativa e fantasiosa, Maurizio. D’altronde, che importa?… è cosa anche molto logica: è la società dei consumi, a livelli sempre più spinti, come diceva il mio maestro Pier Luigi Zampetti. Brutta roba anche perché, come diceva recentemente il card. Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti,

download…L’omosessualità è un non-senso nei confronti della vita coniugale e familiare. E quanto meno nocivo raccomandarla in nome dei diritti dell’uomo. E imporla è un crimine contro l’umanità. (…) Una grande battaglia è iniziata, davanti ai nostri occhi, con potenti mezzi sovversivi che impiegano ciò che Monique Wittig ha chiamato «macchine da guerra», in quanto colpiscono dritte la dignità della persona, il matrimonio, la famiglia, mettendo in pericolo il futuro stesso dell’umanità…”

Mi trovo d’accordo col card. Sarah. Armani, vestendo un adolescente come da foto, non  sta forse distorcendo la sua dignità di persona umana maschile? Questo è bene che sia chiaro, al di là del PIL e degli affari che uno può fare in questo modo. Questa è una domanda che molte persone – e famiglie – urtate a vedere tali immagini sparate in un ampio spazio che più pubblico di così non si può, possono porsi. E’ lecita, mi chiedo, tutta questa inopportuna esibizione?…

E quindi è cosa davvero brutta che perfino le infrastrutture dello Stato italiano siano coinvolte in questa spiacevole operazione. Non praevalebunt, certo, ma intanto c’è la responsabilità attuale, che verrà presentata download (2)nel giorno del giudizio, per chi avrà manovrato a danno delle menti fragili che cadono nella rete. E molto brutta anche questa Italia, che vediamo disegnare e commerciare, al posto delle cose che davvero ci servono, orologi di genere e abbigliamento di gusto discutibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...