Depositata la sentenza di condanna degli antagonisti NO-TAV. Resta intatto il nodo della “sovranità popolare”.

downloadCommento fb a TEMPI web, che riporta la notizia, qui http://www.tempi.it/no-tav-violenza-comprovata#.VUCif44_pIc, del deposito della sentenza delle condanne degli antagonisti NO-TAV in Val di Susa. La questione verte sul mito della “sovranità popolare”.


Gli antagonisti no-TAV hanno sbagliato. Sbagliato. E’ quindi coerente che siano stati condannati, come scrivevo sul testo dedicato al “nodo della violenza” in Val di Susa:

https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/tav-il-nodo-della-violenza-in-val-di-susa-scioglierlo-e-possibile/

download (3)Resta, in Valle, qualche decina di migliaia di persone che protesta in modo pacifico, proponendo alternative costruttive all'”opera grande” inutile che gli enti decisori vogliono fare al solo scopo di crearsi consenso politico, al prezzo di bancarottare lo Stato e penalizzare il territorio.

A latere di tale realtà, che dobbiamo accettare, anche se ne dissentiamo, poiché i tempi non sono ancora maturi per la “società partecipativa”, prendiamo nota che la sentenza afferma che quella degli antagonisti è stata una

“…azione perpetrata contro un’opera «la cui progettazione e realizzazione sono state specificamente volute dall’organo rappresentativo della sovranità popolare».

Il nocciolo del problema è appunto questo.

In quest’altro intervento

https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/tav-il-nodo-delloligarchia-colpevoli-di-difendere-la-nostra-terra-e-i-beni-comuni/

citavo alcuni testimoni autorevoli i quali affermano che, senza sussidiarietà, è fatale che la democrazia viri nel totalitarismo pratico. Fra essi, il card. Angelo Scola:

“…Angelo Scola, il quale il 16 maggio 2006, ancora Patriarca di Venezia, in occasione dell’inaugurazione della “Scuola Euromediterranea”, riferendosi al sistema dei partiti ebbe a dire che

…non è più pensabile questo rinnovamento nei termini di una dialettica di partiti, che, nel migliore dei casi, sono diventati delle oligarchie, come anche le recenti vicende del nostro Paese ci hanno abbondantemente dimostrato”.

Ma, a proposito di democrazia, non era il settimanale diretto da Luigi Amicone che accreditava, qui,

http://www.tempi.it/berlusconi-disegno-di-alte-cariche-e-della-magistratura-contro-la-liberta#.VUCnUY4_pIc

un signore che diceva

“…L’intreccio fra logiche politiche della sinistra e strumenti giudiziari sta mettendo seriamente in pericolo il concetto di libertà e democrazia”?… ;-))))

Annunci

Un pensiero su “Depositata la sentenza di condanna degli antagonisti NO-TAV. Resta intatto il nodo della “sovranità popolare”.

  1. Pingback: I black-block sono i nostri ragazzi più sensibili | lafilosofiadellatav

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...