Terrorismo: la chiarezza del Papa non è chiara

download (1)Sull’aereo per la GMG, il Santo Padre Francesco ha fatto un discorso poco chiaro, nonostante l’intenzione, sul terrorismo:

«Per chiarire: quando parlo di guerra parlo di guerra sul serio, non di guerra di religione. Parlo di guerre per interessi, per soldi, per le risorse della natura, per il dominio dei popoli. Ma non di religione, tutte le religioni vogliono la pace. La guerra la vogliono gli altri. Capito!?»

Si evince che secondo il Santo Padre il terrorismo NON è una guerra di religione, e che comunque – questo è univoco – “tutte le religioni vogliono la pace”.

Ebbene, la conferma di questo non si può più chiedere alle migliaia di persone che sono state  recentemente uccise – più i 270 milioni che l’Islam ha sterminato nella sua lunga storia, come ricorda qui Guglielmo Piombini, citato da Antonio Socci

http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/la-solitudine-umana-il-nichilismo-delloccidente-e-il-jihad-che-ci-minaccia/ 

anche nei modi più barbari, al grido di “Allah akbar” (1). Volendo, lo si potrebbe ancora chiedere -oggi – alle migliaia di donne e ragazzi fatti schiavi da Stati islamici. E’ vero però che tali schiavi, volendo chiedere un loro parere in materia, non sono facilmente contattabili.

Peraltro, se si volesse davvero sapere come stanno le cose, si potrebbe – più semplicemente – vedere cosa ha detto un autorevole testimone del passato, il beato Charles De Foucauld

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-la-profezia-di-de-foucauldcosi-lislam-ci-dominera-16853.htm

e, più recentemente, un autorevole e direttamente informato testimone del presente,  il Vescovo caldeo di Mosul, Amel Nona:

http://www.nanopress.it/mondo/2016/07/26/il-monito-di-amel-nona-ex-arcivescovo-caldeo-di-mosul-torna-virale/140277/

dove il Vescovo tocca anche il tasto dei pericoli dell’incontrollata immigrazione musulmana in Europa. Mentre, invece, il via libera incondizionato all’invasione umana dall’Africa e e dall’Oriente è stato ancora una volta suggerito dal Papa, nel suo recente primo discorso ufficiale in Polonia.

Questo per quanto riguarda l’Islam. Ma abbiamo ben visto che anche l’Induismo, quando il Cristianesimo, espandendosi nel sub-continente indiano, va fatalmente a collidere con i suoi interessi, non scherza.

downloadE’dunque inevitabile chiedersi quale sia il disegno del Santo Padre Francesco, che non finisce mai di stupirci nel suo approccio così palesemente disinformativo rispetto alla realtà dei fatti. Chissà, forse non lo sapremo mai. Confidiamo nella Divina Provvidenza, che misteriosamente  ci ha dato il Pontefice giusto per noi. Preghiamo intensamente per il Santo Padre Francesco, come lui stesso sempre chiede, affinché lo Spirito Santo voglia illuminarlo nella sua azione pastorale. 


download (2)(1) Siccome però  c’è una bontà di fondo nell’uomo, voglio ricordare i giusti dell’Islam nel genocidio armeno http://www.avvenire.it/Cultura/Pagine/Armeni-il-coraggio-della-verit-.aspx e nella Seconda Guerra mondiale http://www.goleminformazione.it/recensioni/libri/musulmani-ebrei-nazismo.html#.V5nZQ7iLTIU ma anche oggi, al tempo degli Al-Shabaab http://www.leggo.it/news/esteri/attacco_bus_al_shabaab_kenya_musulmani_salvano_cristiani-1443345.html e dell’ISIS.

Annunci

3 pensieri su “Terrorismo: la chiarezza del Papa non è chiara

  1. “approccio palesemente disinformativo” E’ perfetto! Preghiamo davvero perchè io non capisco più. Hai letto l’omelia di Betori al funerale del card. Piovanelli ? Sto leggendo anche ( a puntate su Riscossa cristiana) Viaggio nel Cattocomunismo di Catturelli. Come al solito trovo conferma dei miei pensieri di ora e di allora! Scusami la fretta ma sono in partenza per il mio lungo e bellissimo mese con i nipoti a Tonfano. Quest’anno sono riuscita però a programmarmi una settimana in Sardegna dal 7 al 14 settembre con tre cari amici. Un abbraccio e buone vacanze a voi due dovunque siate (Sicilia ?) Mirella

  2. Cara Mirella,
    grazie dell’apprezzamento!… Comunque, non prendiamocela troppo. La Storia deve fare il suo corso, e non può essere fermata, nemmeno dalle nostre osservazioni ragionevoli. Circa Papa Francesco, così si esprime, nei commenti a questo suo articolo

    http://isoladipatmos.com/se-giacomo-biffi-perde-il-treno-luigi-negri-gli-corre-dietro/

    il Padre Ariel S. Levi di Gualdo, del quale ho molta stima:

    “…Provi allora a riflettere: il Santo Padre Francesco, con tutte quelle sue indubbie limitatezze che io non ho mai negato – basterebbe leggere nell’archivio dei nostri articoli – pensa che nasca d’improvviso dal nulla?
    Ebbene io le dico: no!
    Il Santo Padre Francesco è a suo modo la “giusta grazia” che lo Spirito Santo ci ha dato dopo svariati decenni fatti di tanti Giacomo Biffi, tanto sagaci e tanto ironici, ma che nel concreto non hanno fatto nulla per arginare certe derive, pur avendove avuta tutta la potestas. I veri responsabili sono dunque loro, questi grandi vescovoni e cardinaloni che hanno seguitato a comportarsi come intoccabili feudatari in una società che si stava trasformando a vista d’occhio, mentre senza che se ne accorgessero il mondo gli crollava addosso e la casa prendeva a fuoco in una Europa in fase avanzata di scristianizzazione”.

    Sì, siamo a Scicli, e stiamo molto bene, grazie!… No, non l’ho letta l’omelia di Betori per le esequie di Piovanelli… ora sarebbe un’overdose di cattocomunismo ;-(((.

    L’ottimo Caturelli l’ho letto, per ora, a proposito del liberalismo:

    http://www.rassegnastampa-totustuus.it/cattolica/?p=30580#more-30580

    tanto, noi fiorentini, il cattocomunismo lo conosciamo benissimo per esperienza diretta. Tempo al tempo.

    Allora ti auguro buonissime vacanze… e spero francamente di non dover più scrivere articoli, per quest’estate ;-)))

    abbraccio, ciao, un saluto anche da Giovanna

  3. Sapeva comprendere le debolezze umane, ma era intransigente con gli usurai, considerati da lui le creature più abbiette della terra. Le conversioni spesso clamorose, le riconciliazioni ai Sacramenti di peccatori incalliti, erano così numerosi, che spesso i sacerdoti erano insufficienti per le confessioni e per distribuire l’Eucaristia.
    Quando le leggi che reggevano un Comune, una Signoria, una Repubblica, erano ingiuste e osservarle significava continuare l’ingiustizia, Bernardino da Siena, in questi casi dichiarava sciolti dal giuramento i pubblici ufficiali e invitava la città a darsi nuove leggi ispirate al vangelo; e le città facevano a gara per ascoltarlo e ne accettavano le direttive.

    ” Da tempo sono convinto che la sovrastruttura finanziario-borsistico con le caratteristiche che presenta nei paesi capitalisticamente avanzati favorisca non già il vigore competitivo, ma un gioco spregiudicato di tipo predatorio, che opera sistematicamente a danno dei risparmiatori. ”
    – Federico Caffè, 1914– scomparso da Roma aprile 1987 – consigliere economico di Aldo Moro –

    ” Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti”
    – Eraclito, 535 a.C.– 475 a.C.-

    l’euro di chi è ?

    Atto I scena III – Polonio consiglia il figlio Laerte, in procinto di recarsi in Francia:
    “Non indebitarti e non prestar soldi, perchè chi presta perde sè e l’amico, il debito smussa il filo dell’economia.”
    – William Shakespeare 1564-1623, dal volume: Amleto Principe di Danimarca —

    “L’italia vive in un clima di sudditanza invisibile imposta da un governo troppo mite, potenzialmente rappresenta la terza potenza mondiale grazie alle sue riserve auree ma nella realtà dei fatti è l’ultima ruota del carro. Se gli alcuni Italiani aprissero gli occhi il paese potrebbe risollevarsi economicamente in meno di un anno.
    – Vladimir Putin ,3 dicembre 2015 –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...