Lettera aperta a Matteo Salvini, su TAV, “progresso & sviluppo,” droga e… aborti.

postata sulla pagina fb official di Matteo Salvini, il 20 febbraio 2019.

***************************************

Allora Matteo,

della faccenda delle categorie produttive, di Boccia (Confindustria) e della TAV Torino-Lione si è già parlato qui

http://www.notav.info/post/agli-imprenditori-riuniti-a-torino-piacciono-i-finanziamenti-del-tav/

C’è questa situazione da film horror, per la quale gli scavatori, con i soldi del contribuente, di buchi in terra inutili, si sono inventati la fake-grande opera più inutile del mondo, la TAV Torino-Lione. Inutile perché la linea storica è utilizzata per un quinto delle sue capacità, merci da movimentare non ce ne sono, vedi qui in questo video

https://photos.google.com/share/AF1QipO8uUP2UtvbJKWnGpk7EMQRkha4296oKVwHT8-Ed7pZ58vfrAuvxddDou25zdS2og?key=eGxOU0RlNzRjQzFBS0o2ZlNSZ1RKRHItWEV5Tnln

tanto che i treni merci che ora vanno da Orbassano verso la Francia sono praticamente vuoti, e d’altronde l’alta velocità per le merci non c’è in Italia, e nemmeno in Francia. Quindi con la nuova Torino-Lione l’alta velocità ci sarebbe sì, ma solo sul valico!…Il sugo della faccenda è tutte queste amenità sono proclamate urgenze inderogabili dai poteri forti che controllano i rubinetti del denaro pubblico, i media, la politica, e le grandi aziende che cercano lavoro inutile pagato dallo Stato, e per questo danno lavoro drogato a chi, operai e tecnici, non si può permettere di farsi domande di questo tipo. Il Boccia-system è riuscito a convincere di questo perfino le associazioni degli artigiani e dei commercianti, che in questa operazione non hanno altro che da rimetterci i loro soldi di contribuenti, e lo Stato andare ancor più velocemente in bancarotta manifesta… ma tant’è. Potenza della disinformazione sistemica.

 

Qui però volevo toccare un altro tasto, ancora più profondo. Dunque, in Regione Lombardia la Lega ha ben 29 rappresentanti, vedi qui:

http://www.consiglio.regione.lombardia.it/wps/portal/crl/home/istituzione/I-Gruppi-Consiliari

In tale contesto, succede che, come riporta la Nuova Bussola quotidiana,

http://www.lanuovabq.it/it/lombardia-si-alla-cannabis-terapeutica-ma-lue-contesta

Il 4 dicembre il consiglio regionale lombardo ha votato all’unanimità una mozione per creare un polo di produzione di cannabis «terapeutica», sebbene non si guarisca mai grazie ad essa. Inoltre, proprio questa settimana, anche l’uso palliativo è stato smentito dall’Osservatorio europeo delle droghe e dagli esperti. La Lombardia cade nella trappola tesa dai Radicali sulla cannabis, assecondandone la propaganda sull’indimostrato «uso terapeutico» che non è altro che un cavallo di Troia per preparare il terreno all’obiettivo vero, cioè la legalizzazione del suo uso come droga da fumare. Il 4 dicembre il consiglio regionale lombardo ha votato all’unanimità, con 76 “sì” su 76 presenti, la mozione presentata dall’unico consigliere radicale al Pirellone, Michele Usuelli (eletto con il partito di Emma Bonino, + Europa), che impegna la giunta a creare un polo di ricerca e produzione per la cannabis «ad uso terapeutico», alternativo a quello già esistente sul territorio italiano, ossia lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Un emendamento del leghista Emanuele Monti ha proposto che questo nuovo polo venga costituito presso il Policlinico di Milano”.

Quindi, anche i 29 della Lega hanno votato questo, giusto?…

Poi, dice qui, ancora sulla Bussola, il 9 dicembre 2018:

http://lanuovabq.it/it/ru486-se-la-lombardia-pensa-a-privatizzare-laborto

che la Regione Lombardia stava preparando questo:

L’assessore alla Sanità lombarda, Giulio Gallera (Fi), ha dichiarato che potrebbe cambiare il percorso di ricovero previsto per l’aborto farmacologico, lasciando che la donna assuma la pillola in day hospital. Finora la Lombardia aveva seguito le indicazioni dell’Aifa, date le morti e i pericoli: «Sanguinavo, mi contorcevo e il mio bambino mi cadde fra le mani, lì sei veramente sola». Ecco come l’aborto fai-da-te copre il dramma dell’omicidio dei figli in grembo, imbarbarendo la società”.

Pare che in precedenza, il 27 settembre, ci fosse stato uno stop leghista a questa politica, 

http://www.milanotoday.it/politica/pillola-abortiva-day-hospital.html

ma, alla fine

https://www.centrostudilivatino.it/centro-studi-livatino-sconcerto-per-le-scelte-della-regione-lombardia-sulla-ru-486/

il provvedimento è stato approvato il 17 dicembre. Suppongo col voto favorevole dei soliti 29 della Lega, che dopo la droga “terapeutica” che non guarisce nulla, hanno approvato anche la kill-pill a domicilio.

Da notare, a latere, che Massimo Gandolfini (CDNF) ha espresso tempestivamente il suo severo disappunto per questa decisione:

https://www.difendiamoinostrifigli.it/gandolfini-family-day-delusi-e-irritati-per-le-scelte-di-regione-lombardia-su-pillola-abortiva-e-profilattici-gratuiti/

Ma, a questo punto mi chiedo, nel suo never ending tour contro la teoria gender, Gandolfini starà ancora continuando a dire alla gente di votare Lega e centrodestra?

http://www.bresciaoggi.it/territori/citt%C3%A0/gandolfini-si-schiera-con-vilardi-e-la-lega-a-brescia-giunta-ambigua-1.6548972

Qual è, dunque, l’intenzione che muove quest’uomo?… Ah, saperlo.

Ancora prima, il 3 agosto 2018, c’era stato questo:

https://giornaledilecco.it/politica/preservativi-gratis-in-lombardia-per-gli-under-24-il-popolo-della-famiglia-non-ci-sta/

Ovvero, Il Consiglio Regionale vota 63/64 a favore di distribuzione gratuita e senza ricetta di contraccettivi ed abortivi precoci agli under 25. Tutto il gruppo di centrodestra vota a favore. Insomma, un’amministrazione di centrodestra a trazione leghista che fa, eticamente, le stesse identiche cose che farebbe un’amministrazione PD e/o M5S.

Così scrivono in un comunicato stampa Andrea Cavenaghi e Stefania Parma, referenti del Popolo della famiglia per Monza e Brianza:

La Lega ha la fortuna di avere un Fontana (Lorenzo, ndr) ministro della Famiglia, brava persona, che dichiara di voler incentivare la natalità e un Fontana (Attilio, ndr) presidente di Regione Lombardia che fa distribuire preservativi e pillole anticoncezionali gratuitamente agli Under 24. Il primo accontenta gli elettori cattolici (a parole), il secondo quelli non cattolici…

Ma anche, Matteo, non eri tu quello che, alla vigilia delle politiche del 2018, voleva riaprire le “case chiuse”?

https://www.quotidiano.net/politica/salvini-case-chiuse-1.3664253

case_chiuse__full

Ogni promessa è debito, e infatti, sistemate le urgenze, proprio in questi giorni il senatore del Carroccio Gianfranco Rufa si è attivato in questo senso. Bene commenta la notizia Massimiliano Fumaneri, su “La Croce#quotidiano”:

http://www.lacrocequotidiano.it/articolo/2019/02/18/politica/la-storia-infinita-delle-case-chiuse

(…) la prostituzione, insistiamo, non degrada solo la donna. Guasta anche l’uomo. Non bisogna confondere infatti la virilità col virilismo. Quella piaga nota col nome di maschilismo attinge precisamente da questo pozzo avvelenato. Il maschilista è un uomo rimasto solo “maschio”.

Contro questi uomini immaturi ci ha messo in guardia la sapienza immortale dei Greci. Omero rappresenta questo brulichio di pulsioni disordinate nei Proci, nemici giurati della figura paterna personificata da Ulisse. L’Odisseo simboleggia ben altro ideale: è figura dell’uomo maturo, non più agito da pulsioni primordiali ma capace di autodisciplinarsi. Ulisse è prudente, pazienta. Sa attendere il momento opportuno per agire. In lui il pensiero non è più istinto, ma progetto. Così Ulisse diventa il modello immortale di ogni padre di famiglia, in ogni tempo e in ogni luogo. Le sue parole d’ordine sono le stesse delle virtù cardinali: responsabilità, fedeltà, fortezza, prudenza, temperanza, giustizia.

Per i Proci vale invece il motto “omnia illico”: tutto subito. Lo slogan adatto a eterni ragazzini viziati. Ma anche, non sfuggirà, il ritratto del consumatore ideale, incapace de trattenere i propri impulsi – come ogni shopping addicted del resto. La sua condizione naturale non è la famiglia: è l’orda semianimalesca di maschi in balia di istinti incontrollati.

Inutile dire che solo in Ulisse l’uomo integra il polo del “maschio” con quello del “padre”. Ulisse è l’uomo che lotta per ricongiungersi alla sua sposa, a suo figlio, alla sua terra. Non l’uomo istintuale, ma l’uomo riflessivo è il protagonista di quell’avventura che è la famiglia. L’orda anonima dei Proci invece ha l’antifamilismo per essenza.

La prostituzione alimenta una mascolinità degradata che va ad innestarsi su quella sessualità predatoria indegna della persona umana. E piaccia o meno, è un fatto che Matteo Salvini, il nuovo uomo forte idolatrato anche da tanti, troppi cattolici, abbia aderito in più di una occasione a questa concezione degradata e degradante della sessualità.

In ultima, visto che, dice ancora la NBQ

http://lanuovabq.it/it/mozione-pro-vita-dopo-le-proteste-lega-e-fi-mollano

ad Alessandria, sulla difesa della vita la Lega ha ringambato, osservo la cosa più importante. Ovvero, keynesismo bancarottiero delle “opere grandi inutili” a parte, è del tutto irrazionale e inattendibile, anche se tutti fanno finta di niente, parlare di “crescita & sviluppo”, nell’Italia nella quale si fanno più di centomila aborti l’anno. Non ci saranno mai crescita e sviluppo veri, in questo modo, checché ne dicano Boccia e sodali. Solo se si smette di uccidere piccole e piccolissime creature umane, si potrà avere crescita vera. Se lo Stato accettasse di farne legalmente anche uno solo, di aborti, sarebbe uguale. Moltiplica per centomila e passa, rifletti sul fatto che la Lega coopera a questa politica, e  poi, guardati nello specchio…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...